Pad Thai: Il piatto Thai per eccellenza.

Il piatto thai per eccellenza, uno dei più conosciuti nel mondo ma in pochi sanno la sua vera storia.

Il piatto è entrato a far parte della cultura culinaria siamese in tempi relativamente recenti e deve la sua origine probabilmente a influenze cinesi.

Sulla scia dei moti ultra nazionalisti e la conseguente rivoluzione del 1932 ( quella che poi in effetti dette origine all’attuale monarchia costituzionale) vi fu una campagna per promuovere e valorizzare lo spirito nazionale.

Alla fine degli anni 30, ad opera del Ministro Maresciallo Plaek Phibunsongkhram si tenne un concorso culinario per ricercare il piatto nazionale per eccellenza; è qua che vinse il “prototipo” dell’ attuale pad thai: un piatto di spaghetti di riso, ravanelli conservati, germogli di soia, arachidi e uova.

L’obiettivo da parte del nuovo governo era duplice : occidentalizzare e modernizzare il paese che proprio in quegli anni era passato da chiamarsi Siam a chiamarsi Thailandia e riuscire a uscire dalla depressione economica che la guerra aveva portato.

Si passò quindi a utilizzare gli spaghetti di riso (di origine più Laotiana/Cambogiana) per allontanarsi dagli spaghetti di grano molto più diffusi in Cina e ad invogliare il popolo a consumare meno riso per poter destinare buona parte di questo all’esportazione.

Mangiare Pad Thai era diventato un atto PATRIOTTICO!

Ma come viene cucinato ai giorni d’oggi? Il piatto presenta diverse varianti ma quella più classica è quella con tagliatelle di riso, uova, gamberi, pollo, tofu, arachidi e succo di tamarindo.

Per quanto ci riguarda il più buon pad thai lo abbiamo consumato nel nostro soggiorno a Bangkok.

Se siete da quelle parti date un’occhiata qua per trovare il miglior pad thai in città!

Il nostro miglior Pad Thai

Delicatamente avvolto in una sottilissima frittata

Qua sotto invece un video di come cucinare un pad thai, se vi volete cimentare!

5/5

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *